Commenti a: Si riparte da qui. http://www.scordia.info/si-riparte-da-qui/ Testata giornalistica online di informazione Thu, 23 Oct 2014 07:53:00 +0000 hourly 1 Di: Eugenio Crispo http://www.scordia.info/si-riparte-da-qui/#comment-45353 Wed, 10 Jul 2013 00:41:00 +0000 http://www.scordia.info/?p=37298#comment-45353 In prima battuta sei tu stesso a dire che bisogna guardare principalmente alla situazione generale ma, visto che alcune visioni convergono non posso che esserne contento anche se non posso certamente gioirne visto il profondo degrado che ci investe. Personalmente non addosso ogni responsabilità ai cittadidini, anzi, se ne hai la possibilità rileggi i miei post, ma le colpe vanno ripartite sia ad una classe politica troppo dipendente da ordini superiori che fanno giochi poco chiari sia a cittadini menefreghisti o ad altri cittadini che protestano nel modo più sbagliato possibile cadendo nell’inciviltà autolesionista. Sono convinto anch’io che la spinta debba venire da un basso che abbia innanzitutto un’etica e quell’educazione intrinseca a volere quella che si chiama una “città normale” ma, altresì, mi rendo conto che c’è tanto da lavorare per risvegliare le coscienze di gran parte della popolazione. Non era assolutamente mia intenzione parlare in politichese perchè non è nel mio costume però consentimi di essere sia un cittadino che si lamenta di quanto vede ma, dall’altro lato, una persona umile che cerca di porre l’accento su possibili soluzioni.

]]>
Di: $18896975 http://www.scordia.info/si-riparte-da-qui/#comment-45351 Tue, 09 Jul 2013 18:34:00 +0000 http://www.scordia.info/?p=37298#comment-45351 OGGI,EVADERE LE TASSE E’ PATRIOTTISMO!.

Evadere le tasse delle Austerità dettate dall’Eurozona è:

A) UNA NECESSITA’ DI SOPRAVVIVENZA per decine di migliaia di piccole medie
attività/imprese. Oggi in Italia la tassazione media sulla persona fisica è la
seconda più alta in Europa col 45% di media, con punte sulle aziende del 62%
fino al 70%. Significa costringere milioni di italiani a licenziare, e a vivere
SOLO per pagare tasse, ridotti alla disperazione.

B) UN ATTO DI PATRIOTTISMO, perché questo prelievo fiscale indicibile è TUTTO
destinato a soddisfare l’assurdità del pareggio di bilancio (cioè, lo
Stato ci dà 100 soldi e ci tassa gli stessi 100 soldi lasciandoci zero), e i
diktat della Troika (BCE, Commissione UE, FMI) che mirano a distruggere la base
industriale italiana per conto della Germania. E’ la terza guerra mondiale
iniziata dai tedeschi contro di noi dopo il fallimento di 2 guerre
e dello SME degli anni ’70/’80. Evadere queste tasse è un DOVERE
CIVICO DI OGNI ITALIANO FEDELE ALLA COSTITUZIONE, violata dai Trattati dell’Eurozona ‘tedesca’ in 15 articoli. Anzi, E’ LEGITTIMA DIFESA.

Mario Monti ha:

A) con la mano destra aumentato le tasse a livelli impossibili, mentre con l’altra mano distruggeva l’economia italiana e la sicurezza del lavoro. Questo significa che ha di fatto costretto milioni di italiani ad evadere sempre più, poiché lo
Stato ha SOTTRATTO dalla società i MEZZI FINANZIARI PER PAGARE LE
TASSE, PRETENDENDO POI CHE ESSE SIANO PAGATE . Ne deriva che gli
accertamenti fiscali della Guardia di Finanza sono oggi vessazioni illegali
poiché i cittadini/aziende non sono responsabili delle condotte sopraccitate
del governo Monti, che nessun italiano ha mai eletto.

I governi cosiddetti tecnici degli anni ’90 e i governi sotto l’Eurozona hanno:

A) ridotto il risparmio privato delle famiglie italiane dalla posizione di SECONDO
RISPARMIO PIU’ ALTO AL MONDO dopo il Giappone nel 1992, con un 20,3% di
risparmio medio sul reddito, al 6% del 2010. Questo significa, di fatto, che
per sopravvivere al livello di vita medio le famiglia italiane si sono DOVUTE
AUTO-TASSARE di un ULTERIORE 70% dei propri risparmi dal 1990 al
2010, oltre alle tasse ordinarie. Questa è una colossale tassazione occulta di
cui nessuno parla, e che abbiamo e stiamo ancora soffrendo.

E’ l’Eurozona che ha trasformato il prelievo fiscale da mezzo per regolare l’economia, quando avevamo la Lira, a NECESSITA’ PER FINANZIARE LO STATO, che oggi infatti insegue queste tasse devastanti e illegali come un lupo affamato.
Questo è un regime dittatoriale che ci sta uccidendo.

Avevamo PAURA , caro Luigi, che ci “fottessero” la prima casa, che ce la pignorassero. Ebbene, oggi, fortunatamente, questo non è più possibile( la prima casa non si può toccare). Come carne al fuoco, credo che ,per ora, basti. Tanto la tragi-commedia continua. Coraggio ci vuole e non arrendersi mai! Meditate Gente, meditate……

]]>
Di: Luigi Bisignani http://www.scordia.info/si-riparte-da-qui/#comment-45349 Tue, 09 Jul 2013 08:47:00 +0000 http://www.scordia.info/?p=37298#comment-45349 E non ci siamo secondo me. Lontani anni luce a mio modestissimo modo di vedere dal poter proporre una visione diversa di futuro che non sia la solita retorica.

Continuiamo a farci la “scrima o tignusu”. Senza i clamorosi debiti comunali causati da una classe dirigente inetta e incompetente come sarebbe stata Scordia? un poco meglio. Ma con gli stessi disoccupati, tasse ugualmente altissime, giovani emigrati e un centro storico che sembra passato dalle cannonate degli F35.

Ok la storia dei vicere’ e dei voti che si vanno ancora a scambiare come le fiches in provincia. Pratica disonorevole e abietta, vergognosa e lesiva della dignità di chi la pratica. MA è la conseguenza di un sistema e modus operandi della politica in toto che non funziona.

Continuiamo a elemosinare qualche spicciolo per organizzare le festicciuole del paese, panem et circenses. Ma il PD ha aumentato le marche da bollo per pagare l’expo di milano che vede tra i principali protagonisti economici le cooperative rosse di “dubbia” (eufemismo) integrità economica e legale.

Questa foto è irreale, è come analizzare il primo piano di un cadavere preoccupandosi di quel leggero pallore delle gote, dimenticandosi che tutto il resto è tornato polvere.

Proviamo a scendere un attimo nel dettaglio: la riforma Gelmini confermata e peggiorata da Monti e dal PD ha tolto 8 miliardi di euro alla scuola pubblica per finanziare le scuole private. Significa che se i nostri FIGLI rischiano la vita nelle scuole fatiscenti di SCORDIA dovete ringraziare anche quegli stessi che oggi si propongono come il cambiamento.

Questa è la SITUAZIONE ATTUALE, di questo deve rispondere il nuovo sindaco, e vale anche per tutti gli altri settori, dalla mancanza di risorse per le forze dell’ordine, alla mancanza di canadair e di mezzi ai vigili del fuoco per gli incendi che scoppieranno a scordia.
Deve rispondere di quel disastro chiamato CLIENTELE e FAVORI che ha visto mettere degli INETTI E INCOMPETENTI negli uffici pubblici di tutti i settori, anche in posti chiave, che ostacolano DI FATTO il lavoro cruciale della pubblica amministrazione con conseguenze DISASTROSE per il tessuto sociale e imprenditoriale DI SCORDIA.

Per non parlare di quello che NON è stato fatto da una classe politica di inetti e collusi: il PD (assieme a MPA e PDL) devi rispondere di aver saputo utilizzare SOLO il 9% dei fondi europei destinati alla Sicilia, e quelli che sono stati utilizzati sono andati sprecati in buona parte. Si parla di MILIARDI DI EURO che avrebbero potuto risollevare PER SEMPRE le sorti della Sicilia E DI SCORDIA. E noi continuiamo a blaterare sul mattoncino con la facciata non rifinita, retorica sempreverde per tutte le stagioni.

Siamo in guerra, che lo vogliate o no. Altro che il mattone bla bla bla e i debiti di qua e di la.

]]>
Di: Luigi Bisignani http://www.scordia.info/si-riparte-da-qui/#comment-45348 Tue, 09 Jul 2013 08:39:00 +0000 http://www.scordia.info/?p=37298#comment-45348 Da dove evinceresti che non vorrei considerare le responsabilità dei cittadini visto che “niente, ciechi completi, chiusi nel paese gli scordioti non vogliono guardare un metro oltre e hanno rieletto gli stessi che, a livello locale e nazionale hanno causato lo sfacelo in cui ci troviamo”.

Addossare tutte le colpe e le responsabilità ai cittadini è il trucco del vecchio politicante incapace e buffone che per poter continuare ad operare indisturbato scarica il barile su una entità generica chiamata “i cittadini che sporcano brutti e cattivi”.

E i cittadini perbene ma magari svogliati o rassegnati e disfattisti trovano una comoda giustificazione nell’addossare alla stessa entità di cui sopra, denunciando una inesistente “corsa al ribasso” la propria incapacità a cambiare le cose.

Rileggendo il finale dei quanto ho scritto sopra si capisce che i cittadini possono essere la SOLUZIONE.

]]>
Di: Francesco Gherardi http://www.scordia.info/si-riparte-da-qui/#comment-45347 Mon, 08 Jul 2013 15:42:00 +0000 http://www.scordia.info/?p=37298#comment-45347 LA FOTO SCATTATA IL PRIMO GIORNO DI SCUOLA

Lo spessore qualitativo e quantitativo di quest’analisi che, potrà essere condivisa o meno, ha il merito di aprire una discussione. Trovo interessante la fotografia che fa Guglielmo nel momento in cui s’insedia un nuovo Sindaco. Ogni Sindaco trova una situazione iniziale di partenza e su questa si muoverà, lasciandola dopo 5/10 anni. La foto scattata può essere utile nella comparazione sul prima e dopo. Rispetto alla descrizione che faceva il giornalista della Sicilia (una città sonnacchiosa), ha il privilegio di essere fatta dal dentro, da un osservatorio interno della città. In alcuni casi come dicono i medici: “Non c’è miglior medico di se stessi”.

Molti dei problemi che ha oggi Scordia, evidenziati nell’articolo, sono sovrapponibili a tante città della Sicilia e del meridione. La grave crisi economica che diventa crisi sociale, è un comune denominatore probabilmente rinvenibile in tanti centri medio-piccoli. Ma Scordia ha anche una sua peculiarità. Per andare nel merito due sono i punti salienti della foto scattata da Guglielmo che voglio rilevare. Gli eccessivi investimenti nel mattone e la nascita della nuova Scordia con costi sociali ed economici relativi agli espropri che si riverseranno chissà ancora per quanti anni sul futuro. Scelta che ha fatto depauperare il valore del centro storico o per dirla in modo semplicistico la parte vecchia della città. Strettamente legato a questo tema è la dispersione abitativa con l’aumento dei costi dei servizi urbani. Il secondo punto sulla classe politica degli ultimi 15 anni. Una Scordia serbatoio di voti per i viceré di turno, nei confronti dei quali oggi si prendono le distanze, quasi a disconoscerne la
paternità. Le tante liste civiche, ma promosse dai politici utili per segnare una discontinuità con il passato recente. E’ anche vero che l’elettore (almeno quello che è andato a votare), ha continuato a dare fiducia a gran parte degli stessi soggetti politici, anche se hanno cambiato l’abito indossato o l’involucro esterno che dir si voglia. E poiché l’elettore ha sempre ragione, non possiamo che prenderne atto.

Infine concordo sul primo segnale del doppio incarico. Il primo giorno di scuola non è stato per nulla nel segno del cambiamento.

]]>
Di: Mimmo Cosentino http://www.scordia.info/si-riparte-da-qui/#comment-45346 Mon, 08 Jul 2013 14:19:00 +0000 http://www.scordia.info/?p=37298#comment-45346 Il testo necessita di doverosi approfondimenti, soprattutto sulle questioni che riguardano le scelte urbanistiche, l’abbandono voluto del centro storico, la cementificazione di territori di grande pregio naturalistico in contrada Montagna/Montagnola, l’assalto speculativo in contrda Fico,l’assenza di una politica efficace sui temi del lavoro, la scadente organizzazione e gestione degli spazi pubblici e dei beni comuni. Quanto alla questione mafia, e alle vicende che caratterizzarono la vita amministrativa, sociale e politica lungo il corso degli anni ottanta, a parte la rimozione di quei fatti anche da parte di coloro che ne avrebbero dovuto rivendicare l’eredità, io credo che almeno nell’ultimo decennio, e forse ancora più, l’economia mafiosa abbia fatto registrare una presenza crescente, nella complicità generale, e solo in qualche caso contrastata. Il riferimento positivo è alla battaglia condotta e vinta contro la realizzazione del megastore di Basilotta. Anche qui, corre l’obbligo di ricordare che il Piano di Urbanistica Commerciale, approvato dal C.c., escludeva la possipilità di realizzarlo. Il Puc, da me sostenuto quale Assessore all’Urbanistica, fu sottoposto ad osservazioni da parte dei competenti organi regionali. Per espressa volontà dell’amministrazione uscente, furono fatti scadere i termini previsti, 180 giorni, per rispondere alle obiezioni, assai futili e strumentali, peraltro facilmente smontabili. Dopo di che si è operato con le Varianti, Eurospin compresa.

Quanto al nuovo Sindaco: la reiterazione degli incarichi di direzione degli uffici comunali alle stesse figure, senza una distinzione tra chi ha operato bene e chi invece no, ci dice che viene garantita una continuità amministrativa che frustra le speranze di rinnovamento, che l’esito elettorale ha comunque fortemente proposto.

]]>
Di: Eugenio Crispo http://www.scordia.info/si-riparte-da-qui/#comment-45345 Sun, 07 Jul 2013 15:33:00 +0000 http://www.scordia.info/?p=37298#comment-45345 A me pare che Luigi, pur guardando a più ampio raggio, non consideri le responsabilità dei suoi cittadini e quasi li giustifichi perchè il resto del mondo va a rotoli. L’individualismo, o meglio, il guardare solo al proprio orticello senza alcun rispetto verso il proprio vicino ed in misura più ampia verso la propria comunità denota un profondo degrado civile. In nome di una modernità sfrenata si è perso il rispetto verso la madre terra che ci ha fatto tanto crescere economicamente, verso i beni comuni trattati alla stregua dell’immondizia e, non ultimo in grado di importanza, verso l’altro che ci sta accanto. Ciò ha annullato quelle barriere morali che una volta erano radicate nel comune sentire ed ha fatto crescere a dismisura quella maleducazione imperante che si constata ogni santo giorno. A me è stato insegnato che si deve sempre cercare di essere migliori degli esempi negativi ma, ahimè, devo constatre che la corsa al ribasso è senza fine. In sostanza, ognuno deve iniziare da se stesso e non aspettare che le cose calino dall’alto.

]]>
Di: Guest http://www.scordia.info/si-riparte-da-qui/#comment-45344 Sun, 07 Jul 2013 12:26:00 +0000 http://www.scordia.info/?p=37298#comment-45344 Dopo aver letto fino in fondo e con attenzione tutto quanto ( fiuu!!) mi è venuta l’ispirazione di lasciare un commento ( sempre se mi legga qualcuno) più da lettore che da scordiense. Non temete cercherò di essere breve conciso e sopratutto oggettivo senza giudicare. Allora più che un articolo di editoriale ( quindi qualcosa rivolto a tutti i lettori in modo oggettivo no? Un “analisi più realistica” ho letto e sottolinerei il più) mi è sembrata una lettera rivolta alla nuova amministrazione politica con tanto di risposta all’editorale uscito su la Sicilia). Fine!
Grazie per l’attenzione.

]]>
Di: $18896975 http://www.scordia.info/si-riparte-da-qui/#comment-45343 Sun, 07 Jul 2013 11:42:00 +0000 http://www.scordia.info/?p=37298#comment-45343 PISTARI L’ACQUA CCO MURTARU.
Sottoscrivo in toto il commento di Luigi e mi preoccuperei tanto che tanta Gente permette ancora che si continui a cercare di faricci a scrima o tignusu e pistari l’acqua cco murtaru. E’ vero, bisognerà aspettare che ogniuno di Noi sia cco culu ‘terra per essere consapevoli che così avanti non si và e che da questo incubo non se ne esce.Giro giro tondo, quanto è bello il mondo, casca la terra e nui cco culu ‘nterra. Pacienzia Luigi, cchi vo fari? A Rivoluzione a Scuddia? O tutti cco culu ‘nterra o tutti muorti dopu i quaranta. Nun si scappa. Ti salutu……….

]]>
Di: Luigi Bisignani http://www.scordia.info/si-riparte-da-qui/#comment-45340 Sun, 07 Jul 2013 02:27:00 +0000 http://www.scordia.info/?p=37298#comment-45340 Questa analisi che a tratti sembra interessante a mio modestissimo modo di vedere è del tutto inutile.
Perchè? Per quello stesso motivo per il quale tanti disastri sono stati fatti in passato, presente e inevitabilmente nel futuro prossimo: non riusciamo a inquadrare Scordia in una regione, area geografica, nazione e contesto politico e non riusciamo a spostare il naso al di la di un metro dai nostri confini.

Da dove viene lo sfacelo della scuola che è probabile prima causa di mancanza di senso civico? dalla spinta verso la privatizzazione e dai tagli targati Gelmini e Monti.
I tagli ai fondi per aggiustare le strade? Idem. I tagli ai fondi per la cultura? Pure.
Le tasse altissime e incostituzionali tipo IMU? La mancanza di un piano serio per il lavoro? Il disastro dell’emigrazione giovanile con conseguenze paragonabili alla seconda guerra mondiale per tanti aspetti?

Niente, ciechi completi, chiusi nel paese gli scordioti non vogliono guardare un metro oltre e hanno rieletto gli stessi che, a livello locale e nazionale hanno causato lo sfacelo in cui ci troviamo.

La situazione di Scordia è figlia dei tempi bui che stiamo attraversando, per vedere la luce occorre ribaltare il paese dalle fondamenta: i cittadini.

“Siate il cambiamento che volete vedere nel mondo” e “non chiedetevi cosa il paese puo’ fare per voi ma cosa voi potete fare per il vostro paese”
Queste due belle citazioni andrebbero stampate a caratteri cubitali fuori dalla porta principale del municipio, e in ogni stanza all’interno, facciamo una colletta e li regaliamo a noi stessi?

]]>