Commenti a: Una passeggiata con Emanuele http://www.scordia.info/una-passeggiata-con-emanuele/ Testata giornalistica online di informazione Thu, 23 Oct 2014 07:53:00 +0000 hourly 1 Di: $18896975 http://www.scordia.info/una-passeggiata-con-emanuele/#comment-45301 Wed, 03 Jul 2013 17:06:00 +0000 http://www.scordia.info/?p=37216#comment-45301 LU CUNGRESSU DI LI SURGI.

‘Nta ‘na casa sdirrubata, sularina e abbannunata,

si jungeru in gran cunsensu tanti surgi,ppi ‘ncungressu.

Si trattava di parrari circa zoccu s’avvia a fari

e truvai un modu adattu ppi distruggiri lu jattu.

N’-surgi vecchiu e sapienti, ca sidìa di presidenti,

ccu la vuci risoluta dissi:-E’ aperta la siduta.

Nui campàssimu filici, si’ nun fussi, cari amici,

ppi lu jattu lazzaruni ca’ncuntramu in ogni gnuni

St’animali strafallàriu assasinu e sanguinariu,

è un nimicu assai putenti, schiticchiusu e strafuttenti:

quannu acchiappa unu di nui, nun cci la finisci cchiui…

Perciò è nostra ‘ntinzioni difiniri la quistioni

e circari mezzi ritti ppi struncari sti dilitti.

Si parrau di trabucchetti, di tagghioli e trappuletti,

ppi lu jattu babbiari e putirlu alluntanari,

ma fu vana ogni pinsata ogni idia fu criticata.

‘Nta ‘na gnuni si ni stava un surgiddu,ca ascutava;

era un surgi nicareddu ‘ngiuriatu “cicireddu”,

ppi la cuda mutilata, nta la tràppula lassata

e,ppi sorti ria e brutta quannu un cìciru ridutta.

Cicireddu,finalmenti, dumannau a lu presidenti

di pigghiari la palora ca ‘un avìa parratu ancora.

La parola fu accordata e cci fici sta parrata:

-Tra di tanti surgi scienti ca su ccà,iù sugnu nenti;

sugnu un pòviru surgiddu difittusu e picciriddu,

ma mi vinni na pinsata ca pò ghessiri accittata.

Cci vulissi,a miu pinsari, ppi lu jattu babbiari,

‘na squillanti campanedda ccu tanticchia di curdedda

attaccata in modu adattu a lu coddu di lu jattu.

Accussì,quannu camina, la cianciana s’arrimina

e,sintennu lu so sonu nui scappamu a tempu bonu.

-Beni,bravu,beni daveru! tutti pari rispunneru.

Sta pinsata è giniali! e tu pisi quantu vali!

Si suseru tutti quanti e,ccu fari assai fistanti,

abbrazzaru Cicireddu, lu cchiù spertu surgiteddu.

E gridannu:-Viva,viva! ogni surgi non si priva

mi si torci e mi s’addizza, abballannu d’alligrizza.

Quannu,poi,si sazìaru e a la calma riturnaru,

ripigghiau lu Prisidenti la siduta,novamenti.

Si votau ccu Scaccianuci ccu paroli beddi e duci

e cci dissi:-Amicu caru, tu si’ n-surgi saggiu e raru

ca cunusci di tant’anni, di lu jattu stili e inganni;

tu si vecchiu e ormai allinatu, nta la lotta azzariatu

e tu sulu si capaci di dunàrini la paci;

perciò nesci di sta tana e v’attacca la campana.

-Tali parti,veramenti, spetta a vui,miu Prisidenti…

Siti capu e ginirali di li surgi e stassi mali

ca tuccassi a mia l’unuri di tali attu di valuri!

-La me vita nta st’affari non la pozzu arriscari

ca,iù mortu,vui ristati senza guida e abbannunati.

Cu’ vi sprona e vi cunsigghia? Cu’ susteni la famigghia?

Comu capu forti ed abili, perciò sugnu indispinsabilì…

Siddu tu non voi pruvari, ca ti scanti di cripari,

cci mannamu a Cicireddu, c’havi tantu ciriveddu.

-A mia giustu?E pirchì mai mi mittiti nta sti guai?

Siddu vui,surgi anziani, valurusi capitani,

vi scantati di la morti sugnu iù,forsi,cchiù forti?

Forsi cci haiu cchiù esperienza? Vah…dicìtilu ‘n-cuscenza:

mi criditi cchiù minchiuni ed è chissa la ragiuni…

Ma iù,allura,vi dichiaru e vi dicu beddu chiaru

ca non cci n’attaccu,affattu, ciancianedda,no,a lu jattu!

Si vardaru ‘nta li mussi, ppi l’affruntu russi russi,

tutti pari li surgiddi vecchi,anziani e picciriddi

e,unu prima e n’autru appressu, disirtaru lu cungressu!

MURALI:

«Qui vivo da solo e ho paura, ma voglio continuare a fare quello che faccio,
sostiene Emanuele Feltri. Non sono un supereroe, e non serve esserlo per
mandare avanti dei bei progetti: vivere un posto è l’unico modo per
preservarlo». Lui non vuole essere una vittima: «Il messaggio che voglio
lanciare è del tutto positivo, ci sono altre piccole realtà qui nei dintorni,
gestite da ragazzi come me». Tentano di costruire qualcosa, «di lavorare
insieme per un’agricoltura diversa». Agli altri, però, non sono state uccise le
pecore né è stato distrutto l’impianto di irrigazione: «SOLO PERCHE’ IO MI
SONO ESPOSTO DI PIU’».

]]>